12.9 C
Schio

La XIX Convention per i 40 anni di Special Olympics Italia

SCHIO NUOVAMENTE CAPITALE SPECIAL OLYMPICS: LA XIX CONVENTION CELEBRA I 40 ANNI DEL MOVIMENTO IN UN VENETO SEMPRE PIU’ APERTO ALLA CULTURA INCLUSIVA.

 

Dopo il Meeting di fine Ottobre l’evento che chiude l’annata preceduto dall’intitolazione a Eunice Kennedy del Parco Inclusivo di via Pio X.

 

Schio, 26 novembre 2023 – Nel giorno dedicato in tutto il mondo al rifiuto della violenza di genere, un commosso ricordo di Giulia Cecchettin ha fatto da introduzione nella mattinata di ieri alla XIX Convention di Special Olympics Veneto, ospitata per l’occasione dal prestigioso Teatro Civico di Schio.

 

Atleti, famiglie, volontari e staff operativi del movimento regionale si sono dati appuntamento nella città vicentina per il tradizionale evento che a fine anno chiude le attività regionali scattandone una fotografia precisa, in questo 2023 coincidendo con il quarantennale della nascita di Special Olympics Italia.

 

Condotta dall’attore e presentatore Francesco Gerardi con il supporto di Michael Carollo, atleta vicentino plurimedagliato ormai avviato anche lui alla carriera di conduttore, la Convention ha focalizzato i lavori sui programmi sviluppati in dodici mesi di intensa attività spalmata su tutto il territorio regionale, con il picco dei Play the Games svoltisi nel mese di giugno al Lido di Venezia.

 

Mattatrici sul palco la Direttrice Regionale Elisabetta Pusiol e la Direttrice provinciale di Vicenza Claudia Treviso, che nei panni della “padrona di casa” ha evidenziato il grande supporto ricevuto dalle Istituzioni e dalla comunità nell’organizzazione delle tante iniziative di livello provinciale che hanno preso vita nel 2023, in particolare a Schio grazie al ricco contesto legato al titolo conseguito di “Città Europea dello Sport”.

 

Dopo la lettura dei messaggi del Governatore del Veneto Luca Zaia e dell’Assessore Regionale alle Politiche Sociali Manuela Lanzarin, entrambi assenti per impegni istituzionali, sul palco non sono voluti mancare il Sindaco di Schio Valter Orsi accompagnato dall’Assessore allo Sport Aldo Munarini, il Presidente del CONI Veneto Dino Ponchio, il Presidente del Comitato Paralimpico del  Veneto Ruggero Vilnai, il Governatore del Panathlon Area 1 Giuseppe Falco e il Consigliere Comunale di Vicenza Mauro Burlina, tutti concordi nel sottolineare il grande lavoro culturale e sportivo di Special Olympics sul terreno dell’inclusività, così come la conferma della necessità di lavorare tutti assieme in rete per riuscire davvero a spostare gli equilibri sociali e politici del Veneto e del Paese verso una reale inclusione.

 

Spazio poi, attraverso video e testimonianze, al racconto di questi primi 40 anni di Special Olympics in Italia, con il Veneto che ne celebra invece poco più di metà affidandosi alle parole e ai ricordi di Donatela Donati e della stessa Elisabetta Pusiol, rispettivamente prima e seconda Direttrice Regionale del movimento. Proprio l’attuale numero uno ha voluto consegnare un premio speciale alla professoressa Donati, ancora attivissima ma meritevole di un alto riconoscimento per una carriera lunga e ricca dedicata alla causa dell’inclusione sociale.

 

Il quadro successivo è stato dedicato all’analisi del contesto veneto: presenti Nicoletta Codato, direttrice provinciale di Venezia, Laura Carestiato, direttrice provinciale di Treviso e ovviamente Claudia Treviso, direttrice provinciale di Vicenza: 56 i team affiliati a Special Olympics Veneto, numeri in crescita anche tra gli atleti e nelle discipline sportive praticate, con Padova, Treviso e Venezia tra le più attive subito seguite dalle altre provincie, tra cui Vicenza in fase di forte sviluppo.

 

Presentato l’articolato programma di formazione dedicato ad atleti, tecnici, familiari e insegnanti, fiore all’occhiello della regione, un doveroso momento di focus è stato dedicato all’intitolazione, avvenuta nella mattinata di venerdì 24 novembre, del terzo Parco Inclusivo “Eunice Kennedy Shriver” (fondatrice del movimento nel 1968) del Veneto proprio a Schio, in via Pio X, che segue quelli di Mestre e di Istrana.

 

Sono quindi stati celebrati i Play the Games 2023, che hanno visto il Lido di Venezia prestarsi per la seconda volta, dopo i XXX Giochi Nazionali Estivi “Venezia 2014”, ad ospitare in maniera impeccabile la grande manifestazione, con la Cerimonia di Apertura resa ancora più solenne dal contesto unico del Palazzo del Cinema, sede del Festival d’Arte Cinematografica più famoso del mondo. Premiati per il grande impegno profuso Gianluigi Fongher presidente del Club Nautico San Marco, società ospitante per il canottaggio insieme al Club Diadora, Roberto Palesa dell’Agenzia 2R e il Team Aziendale Volontari ACTV – AVM, da anni un punto fermo a supporto delle iniziative Special.

 

Andando verso la parte conclusiva della kermesse, giustamente ricordate le gesta degli atleti veneti convocati con la rappresentativa italiana ai Giochi Mondiali Estivi di Berlino: Simone Bilato (ginnastica artistica – Blu Kippe Padova), Alice Beccari (ginnastica artistica – Sorriso Mira, Venezia), Filippo Bordignon (ginnastica artistica – Junior 2000 Vicenza), Arturo Fasulo (basket – i Baskettosi Treviso), Giulia Feltrin (golf – Sport lIfe Montebelluna) e Alessandro Cumerlato. Con loro anche Diego Lissandron, convocato tra i quadri tecnici.

 

Evento clou della stagione vicentina, tornando più sul locale, il Meeting Città di Schio dedicato allo sport inclusivo: a raccontare le indimenticabili giornate di ottobre, oltre a Claudia Treviso per Special Olympics, per il Comune di Schio Cristina Marigo (Assessore alle Politiche Sociali). Con loro, Alessandra Usilla (consigliera AS Fortitudo, società ospitante) e i tecnici del karate Niccolò Menon e del Judo Giovanni Martemucci, che ha annunciato l’ingresso di Elisabetta Pusiol e Claudia Treviso (per Special OLympics) nei quadri formativi della FIJLKAM per il settore paralimpico.

 

L’ultima parte comincia con un punto sulle attività del mondo scolastico: la referente regionale Doriana Scartozzi (la collega Francesca Carniel era assente per covid) ha illustrato una situazione positiva, con importanti momenti dedicati alla formazione degli insegnanti, i numeri in crescita e la notizia che ben 209 scuole per oltre 52 mila studenti hanno aderito al Flash Mob Special Olympics previsto in contemporanea alla Convention in tutta la regione.

 

Basket e Calcio Unificati i protagonisti del preludio alla chiusura dell’evento: il responsabile Paolo Mazzobel ha descritto attività svolte e programmi già attivati per il 2024, con il grande Torneo Special Basket Nord Est (21 team coinvolti tra Veneto, Friuli Venezia Giulia e Lombardia) spalmato in due Gironi con 8 giornate e il circuito del Calcio Unificato in evoluzione ma in costante ricerca di nuove società aderenti.

 

Annunciati infine – poco prima dell’emozionante esibizione della Madrina del Team Veneto Special Olympics Camilla Fascina, vicentina doc, accompagnata dal musicista Giovanni Signorato – i grandi eventi sportivi del prossimo biennio:

 

Play the Games 2024 | Vicenza fine maggio/primi di giugno (in programma Bowling, Judo, Karate e probabilmente anche Nuoto)

XXXV Giochi Nazionali Invernali – Sestriere, Pragelato – 4/8 marzo

Giochi Mondiali Invernali di Torino – marzo 2025

 

Gli applausi a scena aperta e la grande festa in musica per atleti e familiari hanno impreziosito l’arrivederci all’anno prossimo, con le candidature per la sede della ventesima Convention ancora in fase di vaglio.

 

 

Special Olympics è il più̀ diffuso programma internazionale per la pratica sportiva dedicata a persone con disabilità intellettivo-relazionale, cui aderiscono 180 Paesi nel mondo e grazie al quale oltre 4.500.000 atlete ed atleti “speciali” compiono quotidianamente passi importanti verso una reale inclusione sociale attraverso la regolare pratica di una disciplina, costruendo contemporaneamente un fondamentale percorso di crescita e di autonomia individuale.

 

 

 

Scopri tutti gli altri sport