27.8 C
Schio

Simone Raccani, tappa e Giro del Veneto conquistati

Un’impresa indimenticabile quella di Simone Raccani, che ha dominato la tappa finale e si è aggiudicato il Giro del Veneto. Il giovane talento di Carrè (VI) ha sfruttato gli ultimi chilometri della Schio-Ossario del Pasubio per mettere a segno l’attacco decisivo che ha lasciato senza fiato tutti gli avversari, consegnandogli una vittoria strepitosa.

 

Domenica 30 Giugno, a Schio, abbiamo ospitato la quinta e ultima tappa del 32° Giro del Veneto Under 23, la storica tappa della Schio/Ossario, giunta alla sua 84^ edizione, la sesta gara più antica in Italia. Nata nel 1932 per ricordare i caduti della Grande Guerra sepolti al Sacello Ossario di Colle Bellavista, nel 2015 siamo riusciti a riportarla dopo quattro anni di pausa, in occasione del centenario della fine della Grande Guerra. Successivamente, nel 2018, la tappa è stata inclusa come settima del Giro d’Italia Under 23. Oggi, la tappa fa parte del Giro del Veneto. Questa grande classica ha visto negli anni la partecipazione di giovani ciclisti, molti dei quali sono diventati grandi campioni. Schio continua a essere una presenza costante nel mondo dello sport!

 

La tappa, la quinta del 32° Giro del Veneto, è stata caratterizzata da una fuga a tre, con Tommaso Nencini protagonista assoluto nei Traguardi Volanti, tanto da guadagnarsi la maglia gialla della speciale classifica. La fuga si è conclusa alle pendici della salita verso il Pasubio, dove gli scalatori hanno iniziato a dare battaglia. Raccani, supportato da Cettolin e Guerra, ha mantenuto un ritmo costante fino a rientrare sulla testa della corsa a 5 km dal traguardo.

 

Da quel momento, il vicentino ha imposto un ritmo forsennato, prosciugando le energie degli avversari. A 3.000 metri dalla vetta, Raccani ha sferrato l’attacco decisivo, staccando tutti e giungendo in solitaria al traguardo, con un gesto di esultanza verso il cielo.

 

“Conosco bene questa salita, abito a pochi chilometri da qui e oggi c’erano tante persone venute a tifare per me. Non potevo deluderle e dovevo ripagare la squadra per il grande lavoro svolto in questa settimana. Sono felicissimo di questo successo che vale doppio. Lo dedico alla squadra, a Gianni Faresin e a Egidio Fior, che hanno sempre creduto in me e mi hanno dato la serenità e le motivazioni giuste per tornare al mio livello,” ha dichiarato un emozionato Raccani dopo il traguardo.

 

Una vittoria che corona una prestazione impeccabile e che promette un futuro luminoso per questo giovane campione.

 

Photo Credits: Photors.it

 

Articolo precedente
Articolo successivo

Scopri tutti gli altri sport